Roma XI, al via il nuovo Consiglio municipale

Prende forma il Parlamentino del Municipio Roma XI, a maggioranza di centrosinistra.

Presiede i lavori dell’aula consiliare di via Mazzacurati al Corviale Emanuela Mino (Lista civica), affiancata dai vicepresidenti Antonino Panarello (PD, con funzioni di vicario) e Luigi Di Bella (PDL). I consiglieri hanno un’età media di 46 anni e sono per i 2/3 delle new entries rispetto alla passata consiliatura.

La maggioranza (PD, Lista civica, SEL) dispone di 16 consiglieri su 25 – tre in più del necessario -, che consentono sulla carta di deliberare agevolmente.

Sono iscritti al gruppo del PD 11 consiglieri: Gianluca Lanzi (capogruppo), Giulia Fainella, Vincenzo Crea, Ermanno Pascucci, Rosella Coltorti, Fabio Fadda, Angelo Vastola, Gaetano Cellamare e Antonino Cascio Gioia (quest’ultimo al posto della neo-assessore Marzia Colonna), più il presidente del Municipio Maurizio Veloccia ed il vicepresidente del Consiglio Antonino Panarello. Altri tre consiglieri sono iscritti alla Lista Civica: Claudio Barocci, Giuseppe Paloni e la presidente del Consiglio Emanuela Mino. Due consiglieri compongono infine il gruppo di SEL: Alberto Belloni (capogruppo) e Alfredo Toppi. Il documento di programma della coalizione è stato presentato lo scorso giovedì, e approvato in Aula con i 16 voti della maggioranza.

Più frammentario il quadro dei tre schieramenti di opposizione – Centrodestra, Grillini e Marchini -, 9 consiglieri in tutto.

Il Centrodestra schiera tre gruppi consiliari: il PDL con i suoi 4 rappresentanti Marco Palma (capogruppo), Daniele Calzetta, Rosella Paniconi e il vicepresidente del Consiglio Luigi Di Bella;Fratelli d’Italia con l’unico consigliere Valerio Garipoli e il Gruppo Misto, di cui fa parte il candidato mini-sindaco Francesco Smedile. Alla votazione sul documento di programma, che equivale ad un voto di fiducia, i tre gruppi hanno dato voto contrario, lasciando intendere di non voler far sconti alla maggioranza. Severo il giudizio del capogruppo PDL Palma: «Troppo generico, un po’ scopiazzato e limitato negli obiettivi: manca di personalità, così non si va lontano». Garipoli (FDI) analizza: «Bene gli strumenti d’indirizzo e controllo sui contratti di servizio, il codice etico degli eletti, la lotta ad abusivismo e illegalità, la riqualificazione della Valle Galeria, gli empori della solidarietà e i progetti ROAD e PICA. Male, per mancanza di fondi o velleità, il progetto per la Metro D e il prolungamento del tram 8 a Marconi, la non perfezionata Consulta dei Migranti, i progetti su immigrazione e Comunità Rom, le disparità nel recuperare gli spazi in disuso».

Linea di contrarietà anche quella espressa dal gruppo consiliare del Movimento 5 stelle, composto dal candidato mini-sindaco Alessio Marini (capogruppo) e Marco Realacci. «Peccato: molte idee sono le nostre e quindi buone – spiega Marini -, ma non si può accettare un documento così contraddittorio e onnicomprensivo da risultare una delega in bianco. Benché le linee programmatiche siano state infarcite di idee di stampo grillino, il risultato non è affatto simile al nostro programma: non c’è coerenza, sullo sfondo manca il piano. Non si sa da dove partire e con quali mezzi».

Prudente apertura di credito verso la maggioranza è invece la linea di Romantino De Luca, unico consigliere della Lista Marchini, che alla votazione sul programma ha preferito l’astensione al voto contrario. Attende la maggioranza alla prova dei fatti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Current day month ye@r *