Marchini a Corviale: non scorderò le periferie

Una festa per raccontare «la sua Roma da sindaco». Così il candidato Alfio Marchini spiega la ricetta per far funzionare la città. «In caso di vittoria darò vita a un assessorato unico Urbanistica e mobilità. E’ una follia avere autobus con gli impianti di aria condizionata rotta: ora con il caldo i viaggiatori faranno una sauna. E’ mai possibile che un disabile o un anziano che prende la metro a Termini per passare dalla A alla B non possa riuscire a farlo da solo?». Progetti e iniziative che il candidato sindaco ha ben chiari. Come l’Imu. «Sulla prima casa questa imposta va tolta: so esattamente anche come recuperare i soldi. Voglio capire invece da Alemanno come lo fa: sono cinque anni che ha promesso di tutto e ha disilluso tutte le promesse che ha fatto. Ora sotto campagna elettorale continua a fare promesse non sostenibili se non mi spiega con quali fondi».

E a proposito di risorse Marchini lancia un appello agli altri candidati: «Che si uniscano a me per chiedere qual è il bilancio di previsione del 2013. Dato che oggi non sono il sindaco, voglio sapere ad oggi la foto qual è. Voglio sapere, tra entrate e uscite, come ad esempio si pagano gli stipendi dei 50.000 dipendenti pubblici. Roma paga qualcosa come due miliardi di euro di stipendi l’anno. Sono cose serie, 50.000 famiglie, noi rischiamo che arriveremo a settembre che diremo mancano i soldi. Lo trovo ingiusto, immorale e irrispettoso». (Il Messaggero Cronaca di Roma)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Current day month ye@r *